29 giugno 2015
Un anno di Califfato:
un Medio Oriente a geometria variabile
Fino a tre anni fa gli analisti e gli studiosi non avevano dubbi: le rivolte in Tunisia, Egitto, Libia, Siria e altri paesi, assurte alle cronache come le cosiddette "Primavere arabe", erano viste come il vero punto di rottura che avrebbe ridisegnato gli equilibri regionali in maniera radicale. E, in effetti, la questione che più tiene banco oggi nel Vicino Oriente può anche essere vista come una conseguenza – più o meno diretta – di quelle rivolte. Ma, al contrario dei sentimenti che nel 2011 erano maggioritari, il nodo attuale non suscita speranze, ma scenari cupi. Con l’inarrestabile ascesa dello Stato Islamico (IS) e la proclamazione del sedicente Califfato, il Medio Oriente ha di fronte a sé – anzi, al suo interno – un nuovo ingombrante attore parastatale. Lo Stato Islamico minaccia gli stessi confini della regione mediorientale, cosÌ come erano stati definiti dopo le due guerre mondiali del secolo scorso. A distanza di un anno dalla proclamazione del Califfato, dunque, è con questo fenomeno che si devono fare i conti ed è in parte come conseguenza della sua comparsa che le potenze regionali ridisegnano le proprie alleanze e progettano le loro politiche. (Continua a leggere) (Foto: Safin Hamed/AFP–Getty)
Background
 
Mappa
 
Gli attori
 
I teatri
 
Armando Sanguini
ISPI
 
Valeria Talbot
ISPI
 
Annalisa Perteghella
ISPI
 
Massimo Campanini
Università di Trento
 
Ugo Tramballi
Il Sole 24 Ore
 
 
 
Andrea Plebani
Università Cattolica
 
Eugenio Dacrema
Università di Trento
 
Arturo Varvelli
ISPI
 
Rosita Di Peri
Università di Torino
 
Giuseppe Dentice
ISPI
 
   
ISSN N° 2282-829X
 
ISPI - Istituto per gli Studi di Politica Internazionale
Via Clerici, 5 - 20121 Milano
Tel.: +39/02/86 33 13 1
Fax: +39/02/86 92 055