Master in fake news
21 September 2017

di Ugo Tramballi

Qualcuno per caso ricorda la grande mobilitazione di Arabia Saudita ed Emirati contro il Qatar? Una crociata, potremmo dire se non fossimo nel cuore dell’Islam. All’inizio dell’estate sembrava che stesse per scoppiare un’altra guerra nel Golfo. Minacce, boicottaggio economico di ogni tipo, famiglie divise, assedio per fame.

Todos caballeros all’ombra di Giulio Regeni
14 September 2017

di Ugo Tramballi

Non si può definire un entusiastico e promettente benvenuto, quello riservato dal regime egiziano all’ambasciatore Gianpaolo Cantini, appena arrivato al Cairo. Ibrahim Metwally, consulente legale della famiglia Regeni, è stato fatto scomparire e riapparire qualche giorno dopo nella cella di uno dei tanti apparati di un sistema di sicurezza trasformatosi in sistema del terrore.

Korean nuke:...e il gatto disse alla volpe...
07 September 2017

di Ugo Tramballi

 

Tutti sdegnati davanti alla tenace follia di Kim Jong Un che, bomba dopo missile, sta facendo gloriosamente marciare il suo popolo affamato verso il club esclusivo delle potenze nucleari. Sembra che per Cina e Russia, formalmente preoccupati, sia un prezzo accettabile se il risultato è vedere gli Stati Uniti in mezzo a un guado paludoso: se nella penisola coreana scoppia un’altra guerra, sarà colpa di Trump; se invece ci sarà un compromesso, sarà comunque una sconfitta politica di Trump.

Elogio misurato dell'ottimismo
03 August 2017

Se nonostante Brexit, l’elezione di Donald Trump, Putin, i missili Nord coreani, il terrorismo, il massacro siriano, l’ondata dei migranti e altro ancora, vi dicessi che il 2016 è stato uno degli anni migliori per l’umanità, mi prendereste per matto. Avreste ragione ma fino a un certo punto.

Oui, je suis Emmanuel Macron
27 July 2017

L’altra sera a Roma ero al tavolo di un ristorante in piazza Farnese. D’improvviso è arrivata silenziosa una colonna d’auto con scorta e lampeggianti, dalla quale è sceso il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian. Monsieur Le Ministre è subito entrato nella sua ambasciata, a palazzo Farnese, uno dei più belli della città, e la scorta si è dileguata senza provocare disagi alla gente.

Chi è l'antisemita?
21 July 2017

In un curioso mondo nel quale il presidente degli Stati Uniti è un sostenitore della Russia di Putin, la Repubblica popolare cinese è il grande protettore della globalizzazione e i sauditi accusano un loro vicino di estremismo religioso, accade anche questo.

Global Rashomon
13 July 2017

Qualche giorno fa, dopo l’incontro tra il presidente russo e quello americano al G20 di Amburgo, il sito del magazine The Atlantic titolava: “Trump and Putin’s Rashomon Summit”. Dopo il loro faccia a faccia, il primo aveva raccontato di aver ammonito il russo per le sue interferenze nelle elezioni americane; secondo Putin, invece, Trump aveva riconosciuto l’innocenza russa.

Il nuovo sacco d'Africa
06 July 2017

I sondaggi del mese scorso sullo ius soli, con i “no” repentinamente cresciuti e i “si” crollati, sono la fotografia di un paese e un campanello d’allarme elettorale. Come è possibile che la maggioranza degli italiani voglia negare il diritto di cittadinanza a giovani che parlano la nostra lingua meglio del leghista medio, e non commettono strafalcioni come alcuni leader pentastellati?

Dio protegga il Golfo dai suoi Principi
29 June 2017

Nel 1914, dopo l’omicidio dell’arciduca Ferdinando, l’ultimatum che l’Austria inviò alla Serbia fu scrupolosamente redatto per essere respinto. Così i 13 punti “non negoziabili” e da sottoscrivere entro il 3 di luglio, che l’Arabia Saudita e i suoi sodali hanno presentato al Qatar.

Come Odisseo, siamo tutti sulla stessa barca chiamata Global
24 June 2017

Per conto dell’Istituto di studi di politica internazionale, l’Ispi di Milano, ho partecipato a Delhi al secondo “India Think Tank Forum”, una specie di congresso internazionale dei centri studio che si occupano dell’India e del mondo. Il tema era “Potenziale e potere della partnership nazionale, regionale e globale”. Si è parlato di tante cose ma soprattutto dello stato della globalizzazione.

Cuba libre
17 June 2017

Romano Prodi sostiene che Helmut Kohl era un negoziatore tenace. Ma se riusciva a raggiungere i suoi obiettivi era perché capiva le difficoltà dell’avversario col quale cercava sempre di raggiungere un compromesso. Quanto stona la gravitas del cancelliere scomparso con i grotteschi comportamenti di Donald Trump: io so’ io e voi non siete che disaster, per parafrasare il Marchese del Grillo.

Se il mondo fosse normale: non tanto, solo un po’
09 June 2017

Nessuno s’illude di poter vivere la propria vita di citoyen in un mondo perfetto. Magari per breve tempo, per assaggiare eccitato una parvenza di esemplarità: come nei mesi successivi la sconfitta del nazismo; o quando finì la Guerra fredda e alla fine degli anni ’80 credemmo che la democrazia si sarebbe diffusa in Unione Sovietica e da lì, nel resto del mondo non democratico. Fu un trompe-l’oeil.

Reportage dall’India – 2: Effetto Modi
05 June 2017

Nella democrazia indiana è tradizione che se nel governo maturano decisioni importanti la stampa viene cautamente informata: questa volta non c’era stata alcuna anticipazione. Il discorso iniziò all’ora prevista. Per i primi 20 minuti Modi parlò di cose senza interesse. Poi annunciò il grande Notebandi, la demonetizzazione, lasciando a bocca aperta un miliardo e circa 250milioni d’indiani: tutte le banconote da 1.000 e da 500 rupie (15 e 7 dollari e mezzo), cioè l’86% del contante in circolazione, da quel momento erano fuori corso. Era l’8 novembre: entro il 30 dicembre chi possedeva quelle banconote poteva cambiarle in banca e chi ne aveva per più di 250mila rupie (3.700 dollari), doveva giustificarne la provenienza. (...)

Reportage dall’India – 1: Verso la soluzione del caso marò
04 June 2017

MUMBAI – “Ancora sei, sette anni al massimo e la nostra sarà un’economia da 4mila miliardi di dollari”, è convinto Sunil Singhania, capo degli investimenti di Reliance Mutual Fund. Al momento il Pil indiano è attorno ai 2,5 trilioni, con una crescita prevista per quest’anno di circa il 7%. L’osservatorio dal quale Singhania intravvede un così brillante futuro, è autorevole. Reliance Industries è la conglomerata più grande del paese e a febbraio Mukesh Ambani, il proprietario, ha festeggiato a Mumbai il suo cento milionesimo cliente. (...)

Donald il tragico Charlot: una parabola americana
02 June 2017

Senza andare ai bastioni di Orione, in pochi mesi abbiamo visto cose che noi umani non potevamo immaginare: un’America che si trasforma in un paese chiuso dietro le mura dei suoi vasti confini, destinato all’arretratezza. Da Cupertino al carbone: una Sparta che ha deciso d’ignorare il suo luminoso lato ateniese, distruttrice di quel sistema internazionale politico ed economico che lei stessa aveva creato. (...)

Manchester e le università del Mediterraneo
26 May 2017

Quando c’è stato il massacro degli innocenti di Manchester ero nel mondo arabo, sull’altra sponda del Grande Mare (definizione dello storico David Abulafia). Ero a Sfax, in Tunisia, invitato a tenere una “keynote” sul mio mestiere a un gruppo di studenti di quattro università di quel paese, che avevano appena concluso un master in giornalismo. (...)

"This Russia Thing"
14 May 2017

Quando la primavera si avvicina all’estate, alternando i giorni tempestosi della vecchia stagione ai climi dolci che annunciano la nuova, sento sempre il desiderio di andare in Normandia. Non per le sue ostriche ma per tornare in pellegrinaggio nei luoghi dello sbarco. (...)