FOCUS DEL MESE Non solo auto, la svolta verde dello Hunan

Venerdì, 27 Febbraio, 2015

 

Da terra originaria di Mao a cuore economico della Cina centrale. Lo Hunan cerca un rilancio della crescita industriale grazie a una maggiore attenzione all'ambiente, aumento dei consumi interni e investimenti nella modernizzazione dei tradizionali settori industriali in un contesto di crescita più sostenibile: è la nuova normalità promossa dal Presidente Xi Jinping. Guidata da Changsha, città con aspirazioni internazionali non ancora realizzate, questa provincia si pone fra le prime destinazioni degli investimenti nelle zone centrali del paese e sta beneficiando del trasferimento delle imprese dalle aree costiere della Cina all'interno del paese, grazie anche ad una interconnessione ferroviaria che la pone all'incrocio fra Pechino, Shanghai e Guanghzou. Lo Hunan si propone oggi come centro per lo sviluppo di un'industria che cerca di essere sempre più innovativa cui affiancare un crescente settore dei servizi. Con un territorio ricco di scorci unici, questa provincia si candida ad intercettare il boom del turismo interno e internazionale cercando di risolvere il divario fra aree urbane e rurali.
Changsha e la città del cielo
 
Al centro degli snodi ferroviari
 
La rivoluzione ecologica nello Hunan
 
Lianghui: tempo di bilanci e di promesse
 
Hunan apripista per superare la crisi immobiliare
 
NEW BUSINESS - Boom del turismo
 

NEW BUSINESS - 2015: l'anno dell'automotive
 
 
Intervista a Cristiano Varotti,
Coordinatore del Marche Region Desk in China (Hunan)
 
La politica

Ieri e oggi, Hunan più politica uguale Mao. Lo Hunan infatti ha dato i natali al più importante leader della Cina del XX secolo ed è stato il terreno di alcune delle prime attività dei comunisti negli anni '20. Grazie a questo retaggio maoista lo Hunan resta un protagonista centrale della politica nazionale cinese. (continua a leggere)

I numeri del 2013

Pil: USD 921 mld (10°)
Pil pro capite: USD 5.939 (19°)
Popolazione: 67 mln (7°)
Export: USD 20 mld (18°)
Import: USD 13 mld (23°)
IDE: USD 7,3 mld (13°)
Openness Index: 4% (27°)

Fonte dati: CeSIF, Fondazione Italia Cina; Ceic
Tra parentesi il posizionamento nella classifica tra province

 
Nel prossimo numero parleremo dello Zhejiang, la provincia dove è nata l'azienda di e-commerce Alibaba.
 
ISPI - Istituto per gli Studi di Politica Internazionale
Via Clerici, 5 - 20121 Milano
Tel.: +39 02 86 33 13 1
Fax: +39 02 86 92 055
e-mail: ispi.segreteria@ispionline.it
Fondazione Italia Cina
Via Clerici, 5 - 20121 Milano
Tel.: +39 02 720 00 00 0
Fax: +39 02 36 56 10 73
e-mail: info@italychina.org
Twitter   Facebook
Categoria: 

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.