L’Iran verso le urne. Il processo elettorale delle presidenziali iraniane e i profili dei candidati principali

Venerdì, 21 Aprile, 2017

Tiziana Corda

Abstract

Alle prime elezioni dopo la scomparsa di Rafsanjani, kingmaker della politica iraniana, sono tante le ragioni per le quali osservare le tappe del processo elettorale che il 19 maggio porterà alle urne 55 milioni di elettori iraniani per scegliere Presidente, consigli comunali e rappresentanti parlamentari dei seggi vacanti. Tra queste, lo spettro di un unicum nella storia della Repubblica islamica, quello della mancata rielezione di un Presidente in carica, avvalorata dai precedenti timori di una squalifica di Hassan Rouhani. Ma in palio c’è anche l’elezione del nuovo sindaco di Teheran e il destino dell’implementazione dell’accordo sul nucleare. Con il recente annuncio dei candidati presidenziali idonei da parte del Consiglio dei Guardiani – dall’inizio della seconda Repubblica (1989), i candidati presidenziali squalificati dal Consiglio sono stati sempre oltre il 96% – la competizione per la Presidenza si è già accesa.

Numero: 
312